Restauro 1999a Ranverso eseguiti da Gianfranco Gritella.

Il tesoro medioevale dell’Abbazia exibart.com https://www.exibart.com › restauri › il-tesoro-medioeva… 2 mar 2001 — restauri. I lavori di restauro sull’Abbazia di S. Antonio di Ranverso (To) hanno portato alla scoperta di 60 preziose formelle medioevali in …

Posted on

Lapide commemorativa dei restauri (1913 – 1922)

Tra il 1887 e il 1914, grazie all’iniziativa di Alfredo D’Andrade (1839 – 1915), sovrintendente alle Belle Arti in Liguria e Piemonte, fu effettuato un importante intervento di restauro che riportò la chiesa all’aspetto che doveva avere nel XV secolo. Età contemporanea Lapide commemorativa dei restauri (1913 – 1922) Tra il 1887 e il 1914, grazie all’iniziativa di Alfredo … Leggi tuttoLapide commemorativa dei restauri (1913 – 1922)

Posted on

SAGRATO costruito da D’Andrade nel restauro smantellò le cancellate del Pronao quando nella Chiesa con dei gradini si entrava dalla strada. 2022 Ranverso riscopre le cancellate del sagrato luogo sacro era gettonato dalle coppie di sposi per entrare in Chiesa lo attraversavano su tappeti rossi, fiori e palloncini colorati per le foto dell’album, : tra le ortensie coloratissime, panchine in pietra, pavimentazione antica in acciottolato, con i muri secolari del convento e il simbolo Tau dei monaci Antoniani inciso sul metallo?

Ersilio Teifreto devoto a Sant’Antonio Abate e volontario a Ranverso. Nel pronao della Chiesa Precettoriale di Ranverso sui muri grezzi ora scoperti dalla scialbatura eseguita durante la peste oggi compare la Lapide commemorativa dei restauri di D’Andrade datata (1913 – 1922) Tra il 1887 e il 1914, grazie all’iniziativa di Alfredo … Leggi tuttoSAGRATO costruito da D’Andrade nel restauro smantellò le cancellate del Pronao quando nella Chiesa con dei gradini si entrava dalla strada. 2022 Ranverso riscopre le cancellate del sagrato luogo sacro era gettonato dalle coppie di sposi per entrare in Chiesa lo attraversavano su tappeti rossi, fiori e palloncini colorati per le foto dell’album, : tra le ortensie coloratissime, panchine in pietra, pavimentazione antica in acciottolato, con i muri secolari del convento e il simbolo Tau dei monaci Antoniani inciso sul metallo?

Posted on

Alfredo D’Andrade Architetto ultimi importanti restauri a Ranverso.

Età contemporanea Lapide commemorativa dei restauri (1913 – 1922) Tra il 1887 e il 1914, grazie all’iniziativa di Alfredo D’Andrade (1839 – 1915), sovrintendente alle Belle Arti in Liguria e Piemonte, fu effettuato un importante intervento di restauro che riportò la chiesa all’aspetto che doveva avere nel XV secolo. Durante i lavori, nel rimuovere una … Leggi tuttoAlfredo D’Andrade Architetto ultimi importanti restauri a Ranverso.

Posted on

Il chiostro di Ranverso restaurato ultimamente dalla Soprintendenza dei Monumenti, uno dei lati del chiostro costrutto da Giovanni Montchenu, come lo dimostra lo stemma nella chiave di volta della scala di comunicazione al piano superiore del chiostro stesso, stemma che si vede riprodotto in tutte le costruzioni fatte da quell’insigne abate e che è di rosso alla banda scanalata d’argento, caricata in capo di un’aquila (l’azzurro (questa posta in banda), ed accompagnata da due tau d’azzurro. Questo stemma figura pure nell’affresco di autore ignoto dipinto su una parete dell’oratorio riservato di quell’insigne abate.

Posted on

Testo del giuramento della fraternità Europea.

Giuramento della fraternità – Amazon AWS https://bussola.s3.eu-west-1.amazonaws.com › Tes…PDF Sindaco del Comune di Castenedolo (BS) Italia. Ferhat Mustafic … consapevoli che la civiltà europea ebbe la sua culla nei nostri antichi. 2 pagine

Posted on

I Canonici regolari di Sant’Antonio di Vienne erano un ordine ospedaliero e monastico-militare medievale ispirato al culto di S. Antonio Abate. In  Italia i primi ospitali sorsero sulla via francigena per soccorrere i pellegrini di passaggio, primo esempio l’Ospedale medievale di Sant’Antonio di Ranverso.

GLI ANTONIANI A RANVERSO LA PRESENZA RELIGIOSA ED OSPEDALIERA DEI CANONICI ANTONIANI L’Ordine in origine era formato da infermieri e frati laici che avevano come superiori religiosi i Monaci Benedettini, sottomissione che provocava continui litigi e discussioni ma che non impedirono comunque all’Ordine di espandersi … Leggi tuttoI Canonici regolari di Sant’Antonio di Vienne erano un ordine ospedaliero e monastico-militare medievale ispirato al culto di S. Antonio Abate. In  Italia i primi ospitali sorsero sulla via francigena per soccorrere i pellegrini di passaggio, primo esempio l’Ospedale medievale di Sant’Antonio di Ranverso.

Posted on

Tau anno 1.999 un’incisione di artigianato Artistico su legno di mogano pochi esemplari e stato il simbolo dei monaci ospedalieri antoniani a Sant’Antonio di Ranverso sin dal 1.054 (Torino) ITALY. proprietà di Ersilio Teifreto copia depositata nell’Archivio del portale ToriNovoli Come Eravamo.

Tau anno 1.999 un’incisione di artigianato Artistico su legno di mogano pochi esemplari e stato simbolo dei monaci ospedalieri antoniani a Sant’Antonio di Ranverso sin dal 1.054 (Torino) ITALY. proprietà di Ersilio Teifreto copia depositata nell’Archivio del Portale ToriNovoli Come Eravamo.

Posted on

Alamy. La croce Tau era associata a Sant’Antonio e alla protezione dal “fuoco di Sant’Antonio”, o ergotismo, causato dal consumo di segale avariata. Questa capsula splendidamente incisa, con una cavità interna per un composto erboristico allopatico, potrebbe essere appartenuta a un membro di una confraternita di Antonini, fondata in Inghilterra a metà del XV secolo.

Capsula pendente a forma di croce Tau, con la Trinità e la Vergine col Bambino circa. anno1485. Britannico  In mostra a The Met Cloisters nella Galleria 14 La croce Tau era associata a Sant’Antonio e alla protezione dal “fuoco di Sant’Antonio”, o ergotismo, causato dal consumo di … Leggi tuttoAlamy. La croce Tau era associata a Sant’Antonio e alla protezione dal “fuoco di Sant’Antonio”, o ergotismo, causato dal consumo di segale avariata. Questa capsula splendidamente incisa, con una cavità interna per un composto erboristico allopatico, potrebbe essere appartenuta a un membro di una confraternita di Antonini, fondata in Inghilterra a metà del XV secolo.

Posted on