Il 17 gennaio, Sant’Antonio diventa patrono di tutto l’Ordine degli Ospedalieri Antoniani in Europa . Nato in Egitto a Qeman e fervente cristiano. Per i Teifreto l’amore per Ranverso è una questione di famiglia.

Posted on

Ersilio Teifreto Torino la mia casa e la mia citta.

i nipoti Alessandro e Clara

Per i Teifreto l’amore per Ranverso è una questione di famiglia.

Ersilio se ne innamorò sin dal 1968 passeggiando nei luoghi storici dove vissero gli Ospedalieri Antoniani mi aiuta a capire me stesso.

Il 17 gennaio, Sant’Antonio diventa patrono di tutto l’Ordine degli Ospedalieri Antoniani in Europa . Nato in Egitto a Qeman e fervente cristiano, Sant’Antonio il Grande, all’età di 20 anni, prese alla lettera il Vangelo e distribuì tutti i suoi averi ai poveri, partendo poi per vivere nel deserto come eremita in una fortezza a Pispir. Venerato da molti visitatori a Ranverso, Antonio ha sempre dato loro saggi consigli, invitandoli alla preghiera piuttosto che alla violenza. Divenne il patrono di molte confraternite e mestieri. Abnegazione, umiltà, coraggio, equilibrio e fede caratterizzano questo santo uomo e i valori degli Ospedalieri Antoniani . Il suo personaggio di combattente vittorioso nella vita spirituale, di asceta che vive in modo frustrato e spogliato nella solitudine, di uomo che ha cambiato la sua vita per una nuova al servizio di Dio, corrisponde bene all’immagine dell’Ordine Ospedaliero nella Casa dell’elemosina al servizio dei malati e dei bisognosi , questo straniero che ha abbandonato il suo passato per ricominciare entrando a Ranverso a servizio dell’Italia.