Segnalazione a tutti gli intellettuali che in qualche modo si interessano argomentando Sant’Antonio Abate di Ranverso. Mi preme sottolineare che il sottoscritto Ersilio Teifreto da Interlocutore amico degli Antoniani ex allievo del Maestro Monsignor Italo Ruffino soffre di “mal di Ranverso”, e reputo la Chiesa ed il suo circondario terra degli Antoniani come casa propria e la tratto in modo tale.

Posted on

Ersilio Teifreto Ranverso in Rosta e Buttigliera Alta. (TO)

Cercatore di Traccia 2013 

Ersilio Teifreto, classe 1947 nel 2013 crea un Neologismo chiamato: ToriNovoli realizza il sito internet www.torinovoli.it osserva con spirito critico l’evolversi della tradizione nel luogo terra degli Antoniani di Ranverso, organizzando già nel 2013 un primo gemellaggio virtuale tra Ranverso e Novoli coinvolgendo molte strutture ed associazioni , vigila sullo stato dell’arte Religiosa nella Chiesa Precettoriale di Ranverso , evidenziando aspetti positivi e problematicità cercando tracce di umidità sugli affreschi suggerendo proposte e modelli operativi-gestionali, per il turismo a Ranverso rilancia la valorizzazione del luogo proponendo la Destagionalizzazione degli Eventi.

A partire dal 2015 Ersilio Teifreto svolge un ruolo fondamentale di conoscitore per le attività di Ranverso, contribuendo nel programma per il rilancio e valorizzazione dei festeggiamenti legati a Sant’Antonio Abate con particolare riferimento alla Benedizione degli animali come bene della cultura immateriale.

Dall’esperienza diretta come cittadino devoto volontario Ersilio Teifreto parte da episodi storici locali che gli furono tramandati dal Maestro Mons. Italo Ruffino mettendo in evidenza i particolari con lo scopo di contribuire alla valorizzazione del culto per il Santo del deserto perchè tutti i cittadini senza pagare l’ingresso possano entrare in Chiesa per pregare d’avanti alla Statua di Sant’Antonio Abate, inoltre interviene con la propria opera all’esterno del concentrico rispondendo alle domande poste da visitatori per divulgare la Storia Ospedaliera Antoniana di Ranverso.

Ersilio Teifreto parallelamente consiglia gli strumenti su Internet per fare ricerca
demoetnoantropologica: Consiglia come fare le interviste agli abitanti Autoctoni delle cascine costruite sulla collinetta di Ranverso quando il borgo contava almeno 200 abitanti , quali sono le informazioni necessarie per
costruire una mappa storica/sociale del rito del culto es… la Festa di Sant’Antonio Abate, come si raccolgono le tracce dei patrimoni? Una volta raccolte le
testimonianze, le storie e il racconto, i cittadini si impegnano nel confezionamento di ricerche e documentari,
restituendoli grazie all’Archivio Storico(Come Eravamo), sulla Rete piattaforma attiva dal
2013, di cui abbiamo ampiamente parlato. www.torinovoli.it

Ersilio Teifreto è stato premiato virtualmente come Cercatore di Traccia per il borgo di Ranverso.