Luoghi Antoniani. L’espansione antonina iniziò intorno al 1210, quando l’Ordine di Sant’Antonio non era ancora costituito.

Posted on

Aassociazione Amici francesi degli AntoniniMenù

Antonino luoghi

Mappa degli stabilimenti, in Francia, delle Case Antonine (Generale, Commende subalterne, Priorati, ospedali) René Lacour, Curatore capo, direttore degli archivi del Rodano - 1973 (ADR - serie 49H)

Mappa degli stabilimenti, in Francia, delle Case Antonine (Generale, Commende subalterne, Priorati, ospedali) René Lacour, Curatore capo, direttore degli archivi del Rodano – 1973 (ADR – serie 49H)

Vi invitiamo a scoprire alcuni di questi luoghi antoniani che l’AFAA sta lavorando per elencare:

1. Sant’Antonio di Pondaurat (Gironda)

2. Sant’Antonio di Pont d’Arratz (Gers)

3. Sant’Antonio d’Artiguelongue (Gironda)

4. Sant’Antonio di Ficalba (Lot et Garonne)

5. Sant’Antonio di Goloni (Lande)

6. Antonina Commanderie d’Avignon (Vaucluse)

7 . Priorato di Marnans (Isère ) , 

8.  Saint Marc la Lande (Deux-Sèvres) 

Casa dei Loives (Isère)

10. La Precettoria di Sant’Antonio di Ranverso (Italia)

In progetto: Issenheim,  Crémieu (Isère), Saint-Antoine de l’Isle (Gironda) … 

La maggior parte di questi luoghi sono stati oggetto di articoli nella rivista Les Antonins ( Pubblicazioni ) 

LUOGHI ANTONINI

L’ espansione antonina iniziò intorno al 1210, quando l’Ordine di Sant’Antonio non era ancora costituito. È la Casa dell’elemosina o Fraternità, creata da Gaston de Valloire e di origine secolare, che, da Saint Antoine de Viennois ancora sotto l’influenza dei benedettini, moltiplicherà l’istituzione di strutture di accoglienza e cura dove la malattia è diffusa. DNon appena sarà creato l’Ordine di Sant’Antonio (1297), le Case diventeranno, all’interno di un’organizzazione molto strutturata, Commende (o Precettori), generali, subalterni, Priorati… che faranno capo all’Abbazia di Saint Antoine de Viennois (attualmente Saint-Antoine-l’Abbaye) che divenne capo dell’ordine e società madre. L’ampliamento proseguì secondo le necessità ma anche per decisioni delle autorità civili e religiose di affidare agli Antonini ospedali già esistenti. Ciò dimostra la forte reputazione, in termini di gestione e cura, di cui godeva questo Ordine.

Difficile conoscere il numero esatto delle dipendenze antonine (che, secondo alcune fonti, avrebbe raggiunto la cifra di 450). Varia a seconda dei tempi e delle circostanze. Un rapporto ufficiale, redatto nel 1478 dall’Ordine stesso (Liber Religionis Sancti Anthonii Viennensis Sacre Refformationnis) ne elenca quasi 230.

Presentata la mappa dei luoghi Antonini

Presentata la mappa dei luoghi Antonini

                                                                                TORNARE A CASA