Sul finire del secolo XV, Giovanni Montchenu, vescovo di Viviers nominato abate commendatario di Ranverso il 22 aprile 14 70.Sant’Antonio di Ranverso L’ importanza dell’Abbazia Antoniana si accrebbe grande· mente nei secoli eguenti ed i monaci continuarono ad esercitare la loro missione ospitaliera fino al 1776.

Posted on

L’ importanza dell’Abbazia Antoniana si accrebbe grande·
mente nei secoli eguenti ed i monaci continuarono ad esercitare la loro missione ospitaliera fino al 1776, anno nel quale,
per disposizioni di una bolla di papa Pio VI, l’Abbazia stessa
venne soppressa ed i beni furono assegnati all’ordine dei
SS. Maurizio e Lazzaro che ne è tutt’ora proprietario e che,
per illuminata iniziativa del suo Primo Segretario Paolo Boselli, ha recentemente provveduto al restauro della chiesa a
mezzo della Sopraintendenza dei Monumenti del Piemoqte.
c•u:..M ‘D[Lt A.DBA.2.1A DI S A}I.IT0t.:IO DI l\.A.N [~0
.. . A ntcmio eli Ranuerso · Pianta colle varie epv.:be .
– ::::: nc’ ‘”XII
– :·::: nc .. XIU
t!m ::::: uc:• XIV 1· “”‘
G :.:~. : )H’•XJv t· … u”
~.:::::, … ··xv
Dall’esame degli elementi costruttivi e decorativi rimessi
in luce durante questo ristauro fu possibile riconoscere le
vicende della chiesa. Nel secolo XIII, demolita l’abside, si
aggiunse un presbiterio a pianta quadrata; nel secolo XIV si
costrussero le cappelle del fianco settentrionale, fu allungato
nuovamente il pre biterio, furono costrutte. le volte, fu aguiunta la navata sud e si edificò la sacrestia. Nello stesso b
tempo contro la facciata della chiesa primitiva venne innalzato il portico, con un piano superiore, che tuttora esiste.
Sul finire del secolo XV, Giovanni Montchenu, vescovo di
Viviers c nominato commendatario di Ranverso il22 aprile 14 70,
– 4 –
costru se l’ ab icl e poligonale, rifece le volte del presbiterio e
decorò La facciata coi dipinti a motivi geometrici c con le
ricche e belle terrecotte che ancora oggi i amm\rano.
Sotto il porticato sono degni di nota i pila tri in pietra
verdognola a colonnine in fascio con capitelli lavorati a fogliami e figure, gli atfresclù del duecento sulla parete di fondo
rappresentanti scene della vita di Sant’Antonio, la Madonna
dipinta nella lunetta al disopra dell’architrave della porta, e
le pitture cinquecentesche negli scomparti della volta centrale
con episodi del tra porto delle reliquie di Sant’Antonio da Alessandria d’Egitto nel Delfinato.
Pei succe ivi ampliamenti,
dei quali i è fatto cenno, la
chiesa ha ora la pianta a croce
latina con due navate e con cappelle sul fianco a nord.
Sulla parete a sinistra della
navata maggiore, fra le due
prime cappelle ed in parte nascosti da un pila stro di so stegno
della volta, sono affre chi del
secolo XIII rappresentanti il
Cristo benedictnte, il Presepio
ed i SS. Pietro e Paolo.
Nella prima cappella si vedon_o
della vita di S. Maria Maddalena.
dipinte sulle pareti scene
Interessante è l’affresco di scuola vercellese del secolo XV
sull’arco della seconda cappella nel quale è figurata la madonna col bambino tra S. Bernardino da Siena e Sant’Antonio. Quest’ultimo è in atto di presentare alla Vergine una
donna inginocchiata ·che un’iscrizione dipinta sotto l’affresco
ricorda es ere Bianchina Raspa moglie del giudice Eugenio
Raspa che fu sepolta nella chiesa.
Le pitture che si vedono sulla parete soprastante all’entrata della terza cappella risalgono al secolo XIII –