L’edificio che Giulia (De Sio) e Renzo (Caprioli) si lasciano alle spalle durante il viaggio di ritorno che li riporta a Verona dopo le innumerevoli vicende giudiziarie legate al riconoscimento dello “smemorato” (Gazzara) è l’abbazia di sant’Antonio di Ranverso.

Posted on

TUTTI TOGGLE DROPDOWN CERCA

  • DatabaseQui di seguito le location del film che sono state da noi verificate, controllate e inserite nel radar (quando non di passaggio).
  • Guru • 21/09/10 19:31
    Servizio caffè – 469 interventiIl cascinale (con porta) che Giulia (De Sio) e Renzo (Caprioli) attraversano nel viaggio per raggiungere il manicomio dove accertare se lo “smemorato” (Gazzara) sia Giulio Canelli, marito della donna disperso durante la guerra, è il lato destro della precettoria di sant’Antonio di Ranverso in strada Sant’Antonio di Ranverso a Buttigliera Alta (TO) (45.080742, 7.448636). Grazie a Panza per il fotogramma.


  • Guru • 21/09/10 20:03
    Servizio caffè – 469 interventiL’edificio che Giulia (De Sio) e Renzo (Caprioli) si lasciano alle spalle durante il viaggio di ritorno che li riporta a Verona dopo le innumerevoli vicende giudiziarie legate al riconoscimento dello “smemorato” (Gazzara) è l’abbazia di sant’Antonio di Ranverso a Buttigliera Alta (TO), già vista in La terza madre (2007) (45.080742, 7.448636). Grazie a Panza per il fotogramma.

  • Guru • 28/09/10 14:57
    Servizio caffè – 469 interventiIl tribunale dove si svolge il processo per il riconoscimento dell’identità dello “smemorato” (Gazzara), ovvero se egli sia Giulio Canella o Mario Bruneri è palazzo Madama in piazza Castello a Torino. Grazie a Panza per i fotogrammi. Ecco l’esterno, postato da Panza, che ringraziamo per i fotogrammi:




    Qui sotto Giulia (De Sio) apprende il verdetto inconcludente della sentenza relativa al riconoscimento: nulla di fatto, tutto da rifare…


  • Guru • 7/10/10 12:46
    Servizio caffè – 469 interventiIl manicomio dove viene rinchiuso lo “smemorato” (Gazzara) e in cui si recano Giulia (De Sio) e Renzo (Caprioli) per il riconoscimento dell’uomo come Giulio Canella ha doppia natura.

    ESTERNI (Guru)
    La maggior parte degli esterni appartiene all’ex manicomio di Collegno (TO), situato nel parco Generale Dalla Chiesa. Il portale d’ingresso fu disegnato da Filippo Juvara nel 1731.




    Una volta all’interno, in questo piazzale adiacente al porticato, Renzo con altri amici preparano l’incontro fra la sorella Giulia e lo “smemorato”.

    “Sono passati proprio da qui”, mi ha detto un dipendente del luogo (ora è sede dell’Asl 5 di Collegno), “E c’era anche quella brava attrice…”. “Giuliana De Sio?”, dico io. “Sì sì, proprio lei”, ha risposto sorridendo…