La Fòcara ane ‘mpicciata, a Noule la gente è ‘rriata.

Posted on

 

Miriam Perrone ha dedicato all’evento salentino.

La focara

La Focara ane ‘mpicciata,
a Noule la gente è ‘rriata.
Tanti fuechi ane sparati, tutti colorati,
li piccinni cu l’uecchi all’aria ane ‘babbati.
Sant’Antoni mia, fanni cu bete n’annu senza malatia,
ca li sordi ni li facimu cu la fatia.
Intra la terra toa tanti furestieri
ca te ‘ffidane pinsieri.
Ti lu fuecu tante anime ha salvatu
e pi quistu santu ha ‘dintatu.
Ora ti onoramu cu balli e canti
ma nu ti scirrare ti nui, puru ca simu tanti.

Traduzione
Hanno acceso la focara (il falò),
tanta gente è arrivata a Novoli.
Hanno sparato tanti fuochi, tutti colorati,
i bambini sono rimasti con gli occhi aperti a guardarli.
Sant’Antonio mio, fa che sia un anno senza malattia
Perché tanto i soldi li può portare soltanto il lavoro.
Nella tua terra è arrivata tanta gente da lontano,
gente che ti affida le proprie preoccupazioni.
Hai salvato tante anime dal fuoco
e per questo sei diventato santo,
oggi ti onoriamo con canti e balli
e tu non dimenticarti di noi anche se siamo tanti.