Ddiscitate Ausate San Giuanni e nnu durmire ca sta bisciu tre nuule inire Commento su Fondazioneterradotranto sul nome san Sciuvanni nel dialetto Salentino

Posted on

 

Ddiscitate e Ausate San Giuanni

Buongiorno Maestro Peppino, nel dialetto Salentino solo a pochi km da un paese all’altro scopriamo sempre termini nuovi.

Nel suo racconto mi ritrovo con (Ausate e Nuule) non ricordo (Bbiciu) a Novoli distante da Arnesano solo 11km diciamo (Isciu)

Santu (Sciuvanni) Accreditato al dialetto Salentino così modificato con la lettera (S)sembra distorto.

Nel Salento usiamo dire : San Giuanni, San Giuvanni.

A Torino il 24 Giugno con un falò simile ad una Miniatura della nostra Fòcara festeggeremo in Piazza Castello il Santo Patrono:
si dice la festa di San Gioan, pure a Bergamo dicono San Giuan,

Prof. scusi non è una cattiveria verso di lei che ha scritto Sciuvanni mentre io ho scritto San Giuanni,
nella nostra zona di Novoli, Carmiano Monteroni, Lecce,Copertino e credo anche il suo Paese Natio Arnesano non conosciamo (Sciuvanni) e siamo curiosi di conoscere da lei dove l’ha scoperto, come è arrivato
a scriverlo nella Poesia, Invocazione e Preghiera a San Giovanni Battista.
un saluto da Torino al Prof. Armando di pronta guarigione.
Ersilio Teifreto

Testo Azzate S. Giuanni

Papa Gianni
Azzate S; Giuanni e nu durmire ca sta bisciu tre nuvole passare una te acqua una te ientu una te tristu e maletiempu
Chiantai la chianta cu la speranza cu me inchiu la panza chiantai la chianta cu la speranza cu me inchiu la panza azzate Gianni e nu durmire suntu le cinque e imu scire fore se no lu sule e’ forte e ne face male azzate moi ca imu sci fatiare fatia osce fatia crai ma sta fatia nu nci spiccia mai ccuei osce e ccuei crai lu sule e’ forte te sicca e tie la saiAzzate S. Giuanni…Scinne la sira a ssubbra du mie nu cristianu comu a tanti sta penzu a ce me po a ce me po ccappare crai crai po bbessere nu giurnnnu comu a tanti ma a mmienzu a fore nu se po capire mai ci ene lu sule ci ene la sicca ci ene la grandine e te nde porta tuttu e tie rimani a mmienzu alla strada rimani cu bbiti quiddhru ca ta fattu l’ia uluta na vita migliore pe mie e li fiji mei cu nu li isciu menati alla strata cu nu li isciu servi te la mafia servi te la mafia servi te la mafia ahhhh li guai.