Risposta di Ersilio a DroNestGram video con drone sorvolando la Chiesa di Sant’Antonio di Ranverso.

Posted on

 

 

                     

La Chiesa Abbaziale.

I cittadini si recano a messa al suono delle campane.

Buongiorno a voi , non possiamo sapere se lavorate con i permessi in vostre mani prima di riprendere
noi Devoti al Santo del deserto e volontari del Borgo speciale di Ranverso vi facciamo i complimenti per lo straordinario video che avete realizzato con il drone sorvolando tutto il Concentrico della Precettoria e la Chiesa Abbaziale di Sant’Antonio di Ranverso, per un prossimo video vi possiamo guidare per riprendere dalla strada il retro che portava alle cascine quando erano abitate e sono stati girati dei documentari e film, esiste la fontana con la ruota, l’ingresso ad arco , la torre dei penitenti, il forno in comune, la bealera.

Abbiamo notato che sul Video nella descrizione del luogo avete scritto( Abbazia o meglio Precettoria )cosa vuol dire meglio? secondo noi nel Borgo Medievale ci sono diversi
luoghi. Nell’anno del Signore 1776 Papa Pio VI con Bolla Papale lasciò la Chiesa di Ranverso (All’Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro diventandone custodi), la targa storica in legno e visibile all’ingresso nel Pronao che conduce alla biglietteria.

A voi vogliamo ricordare che la Chiesa da sempre luogo di Culto indipendentemente da chi è l’attuale proprietario.

dai cittadini , visitatori e devoti continuerà ad essere chiamata:”La Chiesa di Sant’Antonio di Ranverso infatti se approfondite vi accorgerete che  il termine: (Precettoria) e desueto non consultabile sui vocabolari e stato inventato una ventina di anni fà per ricordare tutto il tenimento di Sant’Antonio di Ranverso, il Monastero , l’Ospitale compreso le cascine,
nel mese di agosto 2018 i responsabili attuali dell’unica costruzione visitabile in Sinergia con i Beni Culturali  hanno aggiunto la scritta sul Totem esplicativo: “Ingresso alla Chiesa”
con preghiera vi chiediamo cortesemente di aggiornare il vostro scritto nella descrizione chiamandola Chiesa,
ricevete cordiali saluti dai Devoti e Volontari
autore Ersilio Teifreto