Tra le figure più influenti nella storia delle camerette,dobbiamo ricordare Pina Sorrenti come maestra pioniera quando negli anni 70 insieme al marito Ersilio Teifreto da una arguta intuizione furono i primi in Italia

La storia di Pina Sorrenti raccontata dal marito Ersilio Teifreto

Tra le figure più influenti nella storia delle camerette,
dobbiamo ricordare Pina Sorrenti come maestra pioniera quando negli anni 70 insieme al marito Ersilio Teifreto da una arguta intuizione furono i primi in Italia
ad intraprendere la via della specializzazione arredando in modo componibile  lo spazio dove vivono, giocano, e crescono i bambini e ragazzi, in quegli anni i rivenditori di mobili  
erano contrari alla specializzazione  e consideravano questo settore banale di secondo piano, erano gli anni quando nella costruzione delle nuove case  veniva dedicato nell'appartamento un'ambiente per i ragazzi inizia così a diffondersi nel linguaggio comune il termine: ”La cameretta/ stanza o camera per i bambini ecc… con l'avvento del truciolato rivestito in vari colori si possono costruire  mobili componibili, finisce così l'era della cameretta a schema fisso composta  da 1 comodino 1 armadio basso a 2 ante, 1 lettino.
Ersilio Teifreto  racconta Pina Sorrenti