Poesia Fòcara Novoli di Ersilio Teifreto con traduzione/Tuttu incigna cu na sarmenta te igne/Tutto inizia con una stele di vite

Posted on

torinovoli

Poesia Fòcara di Ersilio Teifreto con traduzione —– Gli abbracci che vi lasciano i Novolesi non sono dimenticabili

Novulum – Fòcara te Sant’Antoniu te lu fuecu

Tuttu incigna

cu na sarmenta te igne

ca ddentane sarcine,

li cristiani se le passane

a spaddra, una subbra llaura

Eccuu…la Fòcara

cu na favilla se

dduma lu fuecu

ca face criscere

la vampa intra l’uecchi

Mpiccia lu fuecu…. ca sintimu

lu rusciu te la Fòcara

e lu ndore te la purvere te sparu

ca mannane la ntronatura te li fuechi

Uardamu all’aria le fasciddre ca olane

an cielu ammienzu le stiddre e la luna

Te mmaggini trueni e lampi,

eppuru li cristiani pe magia

ritene e ballanu

pe li Dei e li timoni

Li contadini preane S.Antoniu Abate

cu face scire meiu lannata prussima

Le vampe ne lassane

nu segnu intra ll’uecchi

e scarfane lu core

Mpizzicamu lu fuecu bbuenu te la

——————————————————————————————————————–TRADUZIONE IN ITALIANO

Fòcara

Tutto inizia

con una stele di vite

che diventano fascine,

le persone se le passano

sulle spalle, una sopra l’altra

Eccuu…la Fòcara

con una scintilla si

accende il fuoco

che fa crescere

la fiamma dentro gli occhi

Accendi il fuoco… che sentiamo

il rumore della Fòcara

e l’odore della polvere da sparo

che emanano i fuochi pirotecnici

Guardiamo in alto le scintille che

volano

in cielo verso le stelle e la luna

Immagini tuoni e lampi,

eppure le persone per magia

ridono e ballano

per gli Dei e i demoni

I contadini pregano S.Antonio Abate

per fare andare meglio l’annata

prossima

Le fiamme ci lasciano

un segno negli occhi

e scaldano il cuore

Accendiamo il fuoco buono della

Fòcara.

Autore Ersilio Teifreto