Proverbi del Salento centrale/PROVERBI E DETTI POPOLARI NOVOLESI SALENTINI

proverbi Novolesi Salentini

martedì 18 luglio 2017 – 10:53

Da: info
A:  
  Stampa

PROVERBI E DETTI POPOLARI NOVOLESI SALENTINI

 

 

 

PROVERBIO

 

 

 

quannu Cristu nun bòle li santi nu pòtiène;

quando Cristo non vuole i Santi non possono

 

 

lu diàulu nu ttene pecure ma ìnne la lana;

il diavolo non ha pecore, ma vende lana

 

 

quannu lu pòeuru tae e allu riccu lu Tiàulu se la rite;

quando il povero da al ricco il diavolo se la ride

 

 

lu Tiàulu nu è bruttu pé còmu se pìtta;

il diavolo non è brutto per come lo si dipinge

 

 

rroba te stòla lu Tiàulu se la òla;

questioni di preti, il diavolo se le porti

 

 

quànnu lu tiàulu te ncarìzza l'anima ne òle;

quando il diavolo ti accarezza, vuole l'anima

 

 

tira cchiù nu pìlu ca nù nzàrtu;

tira più un pelo che una corda

 

 

sette su li meju muccuni: carne, pesce e maccarruni, acqua frisca e vinu puru, fimmina beddhra e giovane puru;

sette sono le cose più gustose: carne, pesce e spaghetti acqua fresca e vino puro, donna bella ed anche giovane

 

 

è meju na mamma cu perde na fija ca lu sule cu se la pija.

è meglio che una madre perda una figlia piuttosto che se la prenda il sole

 

 

l'abitu nu face lu monicu, cussì dicia lu tata, ca comu vai vistuta, cussì si carculata.

l'abito non fa il monaco, così diceva mio padre che come vai vestita, così sei considerata

e fimmine aute su fatte pé cojere le fiche, quiddhre asce pe fare le beddhre zite.

le donne alte son fatte per raccogliere i fichi, quelle basse per fare belle figlie

 

 

alla fimmina lu capiddhru è longu, u sciutiziu è curtu.

nella donna il capello è lungo, ma il giudizio è corto

 

 

l'omminu latru chiama la fimmina puttana.

l'uomo ladro chiama la donna puttana

 

 

te na cannuzzuta n'hai le spine, te na ngordia mancu quiddhre

da una golosa raccogli le spine, da un'ingorda neppure quelle

 

 

lu fiju mutu a mamma lu capisce.

il figlio muto la madre lo capisce

 

 

quannu lu ciucciu raja è cu chiama la paja, quannu l'omminu suspira è la fimmina ca lu tira;

quando l'asino raglia e perchè vuole la paglia, quando l'uomo sospira è la donna che lo tira

 

 

te na rosa nasce na spina, ma te na spina nu nasce na rosa;

dalla rosa nasce una spina, ma dalla spina non nasce una rosa

 

 

te nna sciumenta cambera, nu ne pijare la fija, ca ci nu ete tutta cambara, alla mamma se ssimija.

da una giovenca sbilenca, non prenderne la figlia perchè se non è tutta sbilenca alla madre s'assomiglia

 

 

a mamma te riccòje, lu sire te sparpàja;

la madre ti raccoglie, il padre ti scompiglia

 

 

nu sire mmantene teice  teice fìji nu manténene nu sire;

un padre mantiene dieci figli dieci figli non mantengono un padre

 

 

ci me tae pane lu chiamu tata;

chiamo padre chi mi da da mangiare

 

 

lu fìju mutu la mamma lu capisce;

solo la madre capisce il figlio muto

 

 

ci te vìte te pruvvìde, ci te téne te mmanténe;

chi ti vede ti provvede, chi ti tiene ti mantiene

 

 

ci tene nu fìju è pacciu, ci tene nu puercu è riccu;

chi tiene un figlio è pazzo, chi tiene un maiale è ricco

 

 

ngìrai, ngìrai, meju te casa mia nu la truài;

girai, girai, ma una casa migliore della mia non ne trovai

TRADUZIONE

Ci manci pane e prummitoru nu bai allu tuttore;

se mangi pane e pomodoro non vai dal dottore

 

 

ci te manci lu pane ncocculutu cacci li denti te oru;

se mangi il pane ammuffito i denti diventano d'oro

 

 

nna mila allu giurnu llea lu medicu de turnu;

una mela al giorno toglie il medico di torno

 

 

mancia li piseddhri ca te ntostane le carcagne;

se mangi piselli si induriscono i talloni

 

 

lu brodu allu malatu e lu ciciru allu rumatu;

il brodo al malato ed i ceci quale concime

 

 

ci manci cipuddhra te ene la uce;

se mangi cipolla ti torna la voce

 

 

ci lu stommicu bonu ole cu staje cipuddhra e tiaulicchiu aje te manciare;

se vuoi stare bene di stomaco devi mangiare cipolla e peperoni piccanti

 

 

l'ueiu te ulia lu male porta via;

l'olio d'oliva porta via tutti i mali

 

 

bivite lu mieru cautu ca te passa a tosse;

per far passare la tosse bevi vino caldo

 

 

ou te caddhrina e mieru te cantina su la meju medicina;

uovo di gallina e vino di cantina son la migliore medicina

 

 

mancia finucchi cu te aumenta lu latte;

per far aumentare il latte materno magia finocchi

 

 

la ruta ogni male stuta, la marva te ogni male te sarva.

la ruta spegne ogni male, la malva da ogni male ti salva

 

 

finca a quannu li peti vannu te passa lu malannu;

fino a quando riesci a camminare ti passano tutti i malanni

 

 

a cucuzza prima te unchia e poi te tuzza e se nu la conzi bona prima te tuzza e poi te sona;

la zucca prima ti gonfia e poi ti bussa, e se non la condisci per bene prima ti bussa e poi ti suona

 

 

o te manci sta minescia o te futti te sta  finescia;

o ti mangi questa minestra o ti butti dalla finestra

 

 

se manci sulu te nfuchi;

chi mangia solo si strozza

 

 

liettu e manciare picca, vita longa e ricca;

dormire e poco mangiare per una vita lunga e ricca

 

 

entre china cerca riposu;

pancia piena cerca riposo

 

 

lu puercu bbinchiatu ngira la pila capisutta;

il maiale sazio gira il piatto sottosopra

 

 

pé tre caddhri te sale se perde la minescia;

per tre pizzichi di sale si perde la minestra

lu ciucciu porta a paja e le ciucciu se la raia;

l'asino porta il mangiare e lo stesso se lo mangia

 

 

lu bbinchiatu nu crite allu disciunu;

chi è sazio non crede al digiuno

 

 

cavita la farina quannu la mattara staje china, ca quannu lu funnu pare nnu te serve lu cavatare;

tira fuori la farina quando la madia è piena, perchè quando ne vedi il fondo non è sufficiente

 

 

sparagna la farina quannu la matthra ete china, ce te serve lu sparagnare quannu lu culu pare?

risparmia la farina quando la madia è piena, non ti serve risparmiare quando ne vedi il fondo

 

 

lu purpu se coce cu l'acqua soa stessa.

il polpo si cuoce con la sua stessa acqua

 

 

carne cruta, pisce cottu.

carne cruda, pesce cotto

 

 

carne scautata time l'acqua firvente.

carne scaldata ha paura dell'acqua bollente

 

 

nienzi te nnutica lu core quantu le meddhre e le parole.

niente ti strozza il cuore quanto quanto le e le parole

 

 

quannu nc'è oju e sale tutta l'erva ete comu pane.

quando c'è olio e sale tutte le erbe sono come il pane

 

 

ci te lla diittu ca lu pane è muddhruso, lu pane è sempre tuestu pe ci fatia;

chi te l'ha detto che il pane è morbido, il pane è sempre duro a chi lavora

 

 

è meju niuru pane ca niura fame

è meglio il pane nero che la fame nera

 

 

lu giudiziu è quiddhru ca te campa, lu pane, quantu pare ca te bbinchia;

quello che ti fa vivere è il giudizio, il pane serve solo a saziarti

 

 

ci bbie mieru campa cent'anni;

chi beve vino campa cent'anni

 

 

lu mieru buenu ete lu bastone te li vecchi;

il vino buono è il bastone dei vecchi

 

 

bivite lu mieru cautu ca bbè passa la tosse;

per far passare la tosse bevi del vino caldo

 

 

lu mieru face ballare li vecchi;

il vino fa ballare i vecchi

 

 

Mare, uarda  e fuci, taverna, itila e trasi.

mare guarda e scappa, taverna guarda ed entra

 

 

nu buenu mbivitore te mieru, prima proa l'acqua e poi lu mieru.

un buon bevitore di vino prima assaggia l'acqua e poi il vino

 

 

lu mieru face bbuenu allu sangu. 

il vino fa buon sangue

 

 

meju puzzare te mieru ca te oiu santu;

meglio puzzare di vino che di olio santo

quannu manci fucennu, mueri prima te lu tiempu;

mangiando di fretta muori prima del tempo

 

 

la morte nu bbae  a ci tocca, ma ae a ci ttoppa;

la morte non va a chi spetta, ma va dove inciampa

 

 

finca alla bara sempre se mpara;

fino alla morte c'è sempre da imparare

 

 

sulu alla morte nu nc'ete rimediu;

solo alla morte non c'è rimedio

 

 

se unu nù more l'auru nù gode;

se uno non muore, l'altro non gode

 

 

mmara a ci senne bbae  ca ci resta face sciuecu e festa;

peccato per chi muore, perchè chi resta dirige il gioco e fa festa

 

 

te santa Marina la mennula ete china;

di S.Marina la mandorla è piena

 

 

te santu Lorenzu lu nuce è mienzu;

a S.Lorenzo la noce è a metà maturazione

 

 

te santu Martinu ogni mustu diventa mieru;

a S.Martino ogni mosto diventa vino

 

 

te Santu Pati le fave chiantati.

di S.Pati piantate le fave

 

 

te Santu Pati o chiove o nivicati.

di S.Pati o piove o nevica

 

 

tuerci lu vinchiareddhru quannu ete tennereddhru;

piega il ramo d'ulivo quando è tenero

 

 

quannu lu sciroccu rite è cchiu fessa ci lu crite;

quando lo scirocco ride è più fesso chi l'ascolta

 

 

quantu cchiù forte chioe cchiù mprima scampa;

più forte piove, prima smette

 

 

cielu stiddhratu, disciunu passatu;

cielo stellato, digiuno passato

 

 

sutta la nie pane, sutta ll'acqua fame.

sotto la neve pane, sotto l'acqua fame

 

 

acqua e gelu nu restanu mai an celu.

acqua e gelo non resta mai in cielo

 

 

ci scinnaru nu scinnariscia febbraru male pensa e ci li ia tutti, facia quajare lu mieru intra le utti.

se a gennaio non fa freddo, febbraio pensa male e se li avesse tutti i giorni farebbe intorbidire il vino nelle botti

 

 

tutti li giurni falli cu ci hoi, l'urtimi giurni falli culli toi.

tutti i giorni falli con chi vuoi, gli ultimi falli con i tuoi

 

 

Natale culli toi, Pasca cu ci hoi.

Natale con i tuoi, Pasqua con chi vuoi

Natale ssuttu, Pasca mujusa.

Natale asciutto, Pasqua melmosa

 

 

Natale cullu sule, Pasca cullu tizzune, ci uei cu bene bona la stagiune.

Natale col sole, Pasqua col tizzone, se vuoi che venga una buona stagione

 

 

finu a Natale, né friddu, né fame, te Natale a nnanzi, tremane puru li pariti ca stannu acanti.

fino a Natale, né freddo, né fame, da Natale in avanti tremano anche i muri che sono vuoti

 

 

nu tràse mai GesuCristu allu sibburchiu, se nu b'ete la quinta tecima te marzu.

non entra mai Gesù Cristo nel sepolcro se non è metà marzo

 

 

carniale chinu te mbroje, osce carne e crai foje.

carnevale pieno d'imbrogli, oggi carne e domani verdura

 

 

Cannilora trubba, mese chiaru.

Candelora torbida, mese limpido

 

 

ci ta Caremma nu fila, te pasca nu minte la tila

chi di quaresima non tesse, di pasqua non mette il vestito

 

 

alla Cannilora, l'annata è bissuta fore, ma ci la sai cuntare, nc'è na bbona quarantela

della Candelora l'annata è finita, ma se la sai contare vi sono ancora quaranta giorni

 

 

ci tene le leune  cu se le ccoje  pé aprile ca te face stare sutta lu fucalire.

chi ha della legna la conservi per aprile, che ti fa stare cotto il focolare

 

 

quannu riaa l'ua e la fica  lu milune sebba  mpica;

quando arriva il tempo dell'uva e del fico l'anguria si può andare ad impiccare

 

 

li suturi t'estate su tisuri te iernu;

i sudori d'estate son tesori d'inverno

 

 

cullu tiempu e culla paja se maturane le nespule;

le nespole si maturano col tempo e con la paglia

 

 

quannu canta la cicala fuci fuci allu culummaru, quannu canta lu cicalune fuci fuci allu cippune;

quando canta la cicala, corri, corri nel ficheto, quando canta il cicalone, corri, corri, nel vigneto

 

 

quannu lu ciucciu raja te giurnu è già menzatia.

quando l'asino raglia di giorno è già mezzogiorno

 

 

nàna, nàna, comu la festa la uttisciana.

nàna,nàna, come la festa il giorno feriale

 

 

le pire masticate se le mangiane li puerci.

le pere masticate le mangiano i porci

 

 

la vacca ca nu mangia culli soi, o ae già mangiatu, o  mangia poi;

la mucca che non mangia con i suoi, o ha già mangiato o mangerà poi

 

 

ci nu tene pacenza la lepre nu lla pija, ci nu cerne bbuenu se mangia la canija;

chi non ha pazienza non prende la lepre, chi non setaccia bene mangia la crusca

 

 

quannu la iaddhrina canta e lu iaddhru tace a casa nun c'è pace;

quando la gallina canta ed il gallo tace, in casa non c'è pace

 

 

tanne an culu, ca ete senza patrunu;

dagli un calcio, perchè è senza padrone

ttacca lu ciucciu addu ole lu patrunu.

lega l'asino dove vuole il padrone

 

 

iaddhrina ecchia prima o poi more.

gallina vecchia prima o poi muore

 

 

la iaddhrina face l'ou e allu iaddhru ne usca lu culu.

la gallina fa l'uovo ed il gallo ne sente i dolori

 

 

meju cu faci buenu all'animali ca alli cristiani.

meglio far bene agli animali che alle persone

 

 

la lepre ca fuce nu porta usazze a ncueddhru

la lepre che corre non porta bisacce

 

 

puru li pulici tenene la tosse

anche le pulci hanno la tosse

 

 

ci pecura te faci, lu lupu te mancia.

se ti fai pecora il lupo ti mangia

 

 

lu lupu perde lu pilu e ddenta spinnatu

il lupo perde il pelo e diventa spennato

 

 

piccatu senza curpa te ddu se ausa se curca;

peccato senza colpa se ne torna da dove viene

 

 

ci sputa an celu an facca ne cate;

chi sputa in cielo gli cade in faccia

 

 

lu celu culla terra ficeru parapatta,  nu fare nienzi e nienzi se sape;

il cielo con la terra si misero d'accordo, cosa non si fa senza che si sappia

 

 

cibbe  fattu lu piccatu chiange la pinitenza;

chi ha peccato si aspetti la penitenza

 

 

paca lu giustu pé lu piccatore.

paga il giusto per il peccatore

 

 

ci ole lu male te l'auri lu sou se sta bicina;

chi vuole il male degli altri il suo è vicino

 

 

fanne male e pensa, fanne bbene e scourdate;

fai male e pensaci, fai bene e scordatene

 

 

nun te mpicciare, nun te ntricare, nu fare bene ca truei male;

non t'impicciare, non t'interessare, non fare bene che trovi male

 

 

quiddhru ca nun mbuei pé tie all'auri nnu fare;

non fare agli altri quello che non vuoi sia fatto a te

 

 

ci face bene troa bene;

chi bene fa, bene trova

 

 

ci tene  e dàe an paratisu àe;

chi prende e da, in paradiso và

 

 

an Paratisu se ae  culla carrozza;

in paradiso si và in carrozza

   

iata iddhra casa addu ncete na chirica rasa, culli nasca, nu cu lli trasa;

beata quella famiglia dove c'è un prete, di nascita non di acquisizione

 

 

tre su lli stritti (te sordi), monici, previti e quiddhri senza fiji;

tre son gli avari: monaci preti e quelli senza figli

 

 

monici, preti e passari, cazzane la capu e lassali;

monaci, preti e passeri schiacciagli la testa e lasciali

 

 

ci sona lu campanieddhru nu se pote battere  ampiettu;

chi suona il campanello non si può battere il petto

 

 

ci tae allu porcu, tae a Diu;

chi da al maiale da a Dio

 

 

nu se moe pampana te l'ua se Diu nn mbole;

non si muove foglia se Dio non vuole

 

 

Diu manna lu friddu sicunnu la lana;

Dio manda il freddo secondo la quantità di lana

 

 

l'anima a Diu, la rrobba a ci tocca;

l'anima a Dio, la proprietà a chi tocca

 

 

Diu li face e lu tiaulu li ncucchia;

Dio li fa, il diavolo li accoppia

 

 

core allegru Diu lu juta;

l'anima allegra Dio l'aiuta

 

 

quannu Cristu nun mbòle li santi nu pòtene;

quando Cristo non vuole i Santi non possono

 

 

lu tiàulu nu ttene pecure ma ìnne lana;

il diavolo non ha pecore, ma vende lana

 

 

quannu lu pòeuru taje allu riccu lu tiàulu se la rite;

quando il povero da al ricco il diavolo se la ride

 

 

lu tiàulu nu è bruttu pé còmu se pìtta;

il diavolo non è brutto per come lo si dipinge

 

 

rroba te stòla lu Tiàulu se la òla;

questioni di preti, il diavolo se le porti

 

 

quànnu lu tiàulu te ncarìzza l'anima ne òle;

quando il diavolo ti accarezza, vuole l'anima

 

 

tira cchiù nu pìlu ca nù nzàrtu;

tira più un pelo che una corda

 

 

sette su li meju muccuni: carne, pisce e maccarruni, acqua frisca e mieru puru, fimmina beddhra e giovane puru;

sette sono le cose più gustose: carne, pesce e spaghetti acqua fresca e vino puro, donna bella ed anche giovane

 

 

è meju na mamma cu perde na fija ca lu sule cu se la pija.

è meglio che una madre perda una figlia piuttosto che se la prenda il sole

 

 

l'abitu nu face lu monicu, cussì ticia lu tata, te comu ai istuta, cussì si carculata.

l'abito non fa il monaco, così diceva mio padre che come vai vestita, così sei considerata

le fimmine aute cojene le fiche, quiddhre asce facene le  beddhre zite.

le donne alte son fatte per raccogliere i fichi, quelle basse per fare belle figlie

 

 

alla fimmina u capiddhru è luengu, lu sciutiziu è curtu.

nella donna il capello è lungo, ma il giudizio è corto

 

 

l'ominu latru chiama la fimmina puttana.

l'uomo ladro chiama la donna puttana

 

 

te na cannuzzuta n'hai le spine, te na ngordia mancu quiddhre

da una golosa raccogli le spine, da un'ingorda neppure quelle

 

 

lu fiju mmutu la mamma lu capisce.

il figlio muto la madre lo capisce

 

 

quannu lu cicciu raja è cu chiama la paja, quannu l'omminu suspira è la fimmina ca lu tira;

quando l'asino raglia e perchè vuole la paglia, quando l'uomo sospira è la donna che lo tira

 

 

te na rosa nasce na spina, ma te na spina nu nasce na rosa;

dalla rosa nasce una spina, ma dalla spina non nasce una rosa

 

 

te nna sciumenta cambera, nu ne pijare la fija, ca ci nu ete tutta cambara, alla mamma se ssimija.

da una giovenca sbilenca, non prenderne la figlia perchè se non è tutta sbilenca alla madre s'assomiglia

 

 

a mamma te riccòje, lu sire te sparpàja;

la madre ti raccoglie, il padre ti scompiglia

 

 

nu sire mmantene teice fìji, teice fìji nu mmanténine nu sire;

un padre mantiene dieci figli dieci figli non mantengono un padre

 

 

ci me tae pane lu chiamu tata;

chiamo padre chi mi da da mangiare

 

 

lu fìju mutu la mamma lu capisce;

solo la madre capisce il figlio muto

 

 

ci te vìte te pruvvìde, ci te téne te mmanténe;

chi ti vede ti provvede, chi ti tiene ti mantiene

 

 

ci tene nu fìju è pacciu, ci tene nu puercu è riccu;

chi tiene un figlio è pazzo, chi tiene un maiale è ricco

 

 

ngìrai, ngìrai, e meju te casa mia nun la truài;

girai, girai, ma una casa migliore della mia non ne trovai

 

 

la mamma pé la fìja li méju morsi se suttija;

la madre per i figli si sacrifica di tutto

 

 

ci te face cchiu te nna  mamma te parole te ngànna;

chi ti fa più da mamma di parole t'inganna

 

 

ci te òle bbene appréssu te tene;

chi ti vuol bene ti tiene vicino

 

 

sape cchiu lu ciucciu a casa soa ca lu mésciu a casa te l'auri;

sa di più un asino a casa sua che un professore in casa d'altri

 

 

ci te òle bene te face chiangère, ci te òle male te face ritère;

chi ti vuol bene ti fa piangere, chi ti vuol male ti fa ridere

ci te core nu te tene, quannu te cunsìja nu te òle bbene;

chi non ha affetto per te, quando ti consiglia non lo fa con amore

 

 

lu pitùcchiu mpinnatu nu canùsce lu parintàtu;

il pidocchio arricchito non riconosce i parenti

 

 

se uei cu faci giurni cuntenti stàtte luntànu te li parénti;

se vuoi avere giorni felici stai lontano dai parenti

 

 

finca li parenti se mòene l'amici su rriàti;

sinchè i parenti si muovono gli amici sono già arrivati

 

 

ci nu mbuei cu sài le ràzze, cciti li ecchi e stràzza le carte;

se non vuoi sapere le origini, uccidi i vecchi e strappa le carte

 

 

te lu latru te casa nu te pueti uardare;

del ladro di casa non ti puoi salvaguardare

 

 

lu sàngu nu se face mai acqua;

il sangue non diventa mai acqua

 

 

ale cchiù n'amicu ca centu parenti;

vale più un amico che cento parenti

 

 

ogne cuccuàscia se vanta li cuccuascéddhri sòi;

ogni civetta si vanta dei propri figli

 

 

uardate te le  tre C: cucini, cumpàri e caniàti;

guardati dalle tre C: cugini, compari e cognati

 

 

alli carceri e allu spìtale tutti tinìmu nà petra;

in carcere ed in ospedale tutti abbiamo una pietra

 

 

cuntadinu: capìddhri cùrti e cirvièddhru fìnu;

contadino: capelli corti e cervello fino

 

 

quannu lu ciùcciu nu mmòle cu bìi te ne binchi cù fìschi.

quando l'asino non vuole bere è inutile fischiargli

 

 

cummàre, nù fili e nù téssi, comu faci sti gnòmmari réssi?

commare non fili e non tessi, come hai questi gomitoli grossi?

 

 

Se stai bbunu cullu giudice nu te serve l'avvocatu;

se se in buoni rapporti con il giudice non ti serve l'avvocato

 

 

se pìjane cchiù musche cu nu nzìddhru te méle ca cu na ùtte te féle;

si prendono più mosche con una goccia di miele che con una botte d'aceto

 

 

viziu te natura finu alla morte dura;

vizio di natura dura sino alla morte

 

 

amore te patrùni, amore te scursùni;

amore di padroni, amore di serpenti

 

 

se l'invidia era rùgna, tutti ne scìane chìni;

se l'invidia fosse sporcizia, tutti ne saremmo pieni

 

 

nu bulàre mutu tisu quannu teni l'àle, ca pueti simpre catìre;

non volare molto alto quando hai le ali, puoi sempre cadere

l'erva trista crisce sempre;

la malerba cresce sempre

 

 

ci campa te speranza tispiratu more;

chi campa di speranza, disperato muore

 

 

lu ciùcciu nnuce la  pàja e iddhru stessu se ràia;

l'asino porta la paglia e da solo se la mangia

 

 

ci òle aje, ci nun bòle mmànna;

chi vuole avere non vuole mandare

 

 

lu pacciu mìna e lu fùrbu còje;

il pazzo butta, il furbo raccoglie

 

 

de lu càbbu nu sse mòre ma se ccàppa;

dello schernirsi non si muore ma si capita

 

 

male nu fàre, e paura nu bbìre;

male non fare, paura non avere

 

 

sténni lu péte pé quantu ete luengu lu passu;

sposta il piede per quanto è lungo il passo

 

 

a casa bruscìata mìnti fuecu;

a casa bruciata metti fuoco

 

 

ci te curtìddhru féra te curtìddhru spéra;

chi colpisce di coltello di coltello muore

 

 

ci sénte e tàce bbona vita fàce;

chi ascolta e tace fa buona vita

 

 

nu ddìre quantu sài, nu te mancìare quantu hài;

non dire quanto sai, non mangiarti quanto hai

 

 

ci ae te préssa,face li fìji cicàti;

chi va di fretta fa nascere i figli ciechi

 

 

méju nà fiàta ca  rrussìsci ca céntu mpallidìsci;

meglio arrossire una volta che cento impallidire

 

 

tinne  "nu sàcciu" e  te lìei  te tutti l'impàcci;

il "non so" ti toglie da ogni impiccio

 

 

li uai te la pignata li sape la cucchiàra ca li òta;

i guai della pentola li conosce il mestolo che li gira

 

 

addu muti Iddhrj  cantane mai giurnu se face 

dove ci sono molti galli che cantano non si fa mai giorno

 

 

mmara a cìnca nu se ràtta cu le ùgne sòi;

povero chi non riesce a grattarsi con le proprie unghie

 

 

l'òmminu nu se mìsura a pàrmi;

l'uomo non si misura a palmi

 

 

la lingua troa a gente;

la lingua trova la gente

te la capu ncigna a puzzare  lu pisce;

pesce imputridisce dalla testa

 

 

ci rite urtimu, rite meju

chi ride ultimo ride meglio

 

 

nu ncète pescju surdu te quiddhru ca nu  mmole cu sente.

non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire

 

 

li pariti nnu tenene uecchi , ma tenene ricchie.

i muri non hanno occhi, ma hanno orecchie

 

 

uecchiu nu bbite core nu scattta.

occhio non vede, cuore non scoppia

 

 

chioe subbhra  li ricchi e subbhra  li poveri, allu stessu modu, sulamente ca li ricchi tenene l'umbrellu.

piove allo stesso modo sui ricchi e sui poveri, solo che i ricchi hanno l'ombrello

 

 

l'urtima ca se perde ete la spiranza;

l'ultima a perdersi è la speranza

 

 

ci càmpa te spiranza tisperatu more;

chi vive di speranza disperato muore

 

 

ci òle ccù mantene l'amicizia , nu panàru ae  e l'àuru ene;

se vuoi mantenere l'amicizia un regalo vada ed un regalo venga

 

 

nub'essere mutu tùce ca tutti te sucane, nub'essere mutu màru ca tutti te spùtane;

non essere molto dolce perchè tutti ti succhiano, non essere molto aspro perchè tutti ti sputano

 

 

uardate te li scursùni sùrdi;

guardati dai serpenti sordi

 

 

nu te fitare né de nnu carusu, né de nu pirtusu;

non ti fidare né di un giovane, ne di un buco

 

 

cunsiju te urpi, stirminiu  te iaddhrine;

consigli di volpi, distruzioni di galline

 

 

meju sulu ca mmale ccumpagnatu;

meglio solo che male accompagnato

 

 

paru cerca paru (e paru pija);

simile cerca simile e con simile s'accoppia

 

 

fattela culli meju te tie e fanne le spese;

stai insieme ai migliori di te e pagagli le spese

 

 

culli pitucchiusi nu te ncucchiare, culli rugnusi nu te curcare;

con i pidocchiosi non ti unire, con gli sporchi non ti coricare

 

 

ci uej cu futti lu icinu, curcate mprima e azzate alla matina;

se vuoi fregare il vicino, coricati presto ed alzati al mattino

 

 

timme cu cci ai e te ticu cu cce pete zueppichi;

dimmi con chi vai e ti dirò da che piede zoppichi

 

 

cinca ae culu  cullu zueppu ae chianu chianu

chi va con lo zoppo, cammina piano

   

cinca ae cullu zzueppu, mpara a zzuppicare puru iddhru.

chi va con lo zoppo, inizia a zoppicare pure lui

 

 

nna manu lava l'aura, e tutte e ddoi llavane la facca;

una mano lava l'altra e tutte e due lavano la faccia

 

 

ci tene  arte hae parte;

chi ha un mestiere ha una posizione

 

 

lu nnamuratu se canusce all'uecchi, lu sfatucatu allu stirnnicchiamentu;

l'innamorato lo si conosce dagli occhi, lo sfaticato dallo stiracchiamento

 

 

lu cchiu tristu tente te lu mulinu rozzula sempre;

il peggior dente del mulino fa sempre rumore

 

 

mesciu ca conza e sconza mai tiempu perde;

artigiano che disfa e aggiusta non perde mai tempo

 

 

ceddhri nasce mparatu;

nessuno nasce imparato

 

 

ogni tristu mesciu ete meju te nu bbuenu discipulu;

il peggior maestro è sempre meglio del miglior discepolo

 

 

ogni suttile ngegnu ene te lu bisuegnu;

ogni invenzione viene dal bisogno

 

 

ci camina llicca, ci stae a casa sicca;

chi cammina lecca, chi sta a casa secca

 

 

ci esse pizzuliscia, ci stae a casa nfrizzula;

chi esce raccoglie, chi resta a casa muore di freddo

 

 

ci chianta unguli manga fave;

chi semina raccoglie ciò che ha seminato

 

 

ogni petra ausa parite;

ogni pietra serve ad alzare il muro

 

 

mpara l'arte e mintila te parte;

impara l'arte e mettila da parte

 

 

l'erva ca nu mbuei nasce intra l'uertu

nell'orto nasce l'erba che non vuoi

 

 

a dduu rrii, mpizza lu zzippu.

dove arrivi mettici un segno

 

 

lu saccu acante nu se mmantene tisu.

sacco vuoto non si mantiene in piedi

 

 

ci simmina spine nu pote scire scuasatu.

chi semina spine non piò camminare scalzo

 

 

è meju la paja te lu icinu ca lu ranu te lu largu.

è meglio la paglia vicina che il grano lontano

 

 

alberu pecca, putrina secca.

 

ota la lamia ca a cannizzu cate.

gira la volta che la copertura di canne cade

 

 

ci secuta lu cieddhru more minchia e povareddhru;

chi guarda gli uccelli muore scemo e povero

 

 

ci mutu ole picca bbranca (strince);

chi molto vuole, poco raccoglie

 

 

ci cchiù haie cchiù ole;

chi più ha, più vuole

 

 

lu superchiu rumpe lu cuperchiu;

il di più rompe i coperchi

 

 

tre su lli potenti: lu rre, lu papa e ci nu tene nenzi;

tre sono i potenti: il Re, il Papa e chi non ha niente

 

 

pane moddhre e liuna siccata, povera casa rruvinata;

pane morbido e legna secca, rovina della casa

 

 

nu rrubare a casa te lu latru;

non rubare in casa del ladro

 

 

ci spera te rricchire intra l'annu, mpuverisce allu mese;

chi spera d'arricchire nell'anno, impoverisce nel mese

 

 

cu tre cose se rricchisce: l'acchiatura, la ncornatura e la manica te tiraturu;

con tre cose si arricchisce: il tesoro, il fare le corna e la maniglia del cassetto

 

 

ci paca alla mmane se ffranca alla sira;

chi paga la mattina, si risparmia di farlo la sera

 

 

lu sparagnu vale cchiu de lu guadagnu;

il risparmio vale più del guadagno

 

 

ci paga nnanzi ete male servutu;

chi paga avanti è malservito

 

 

amicu meu curtese, comu su lli giurni, fatte le spese;

amico mio cortese, fai la spesa per come sono i giorni

 

 

lu mercatu te merca;

il mercato ti frega

 

 

pé desideriu te sordi ogni sputazza pare carlinu;

per il desiderio di soldi ogni sputo sembra una moneta

 

 

ci tene sordi batte le carte;

chi tiene soldi mischia le carte

 

 

a ddhru llevi e nu puni, se scurmane li cistuni;

se togli e non metti si svuotano i cesti

 

 

a dduu nun c'è misura, de certu nu dura;

dove non c'è misura di certo non dura

 

 

pruvvidi i pruvviduti ca i poveri su mparati.

provvedi i provveduti che i poveri sono preparati

ete meju cu biti nu Re mpuirire ca nu pitucchiu mpinnare.

è meglio vedere un Re impoverire che un pidocchio arricchire

 

 

sordi fannu sordi, pitucchi fannu pitucchi;

i soldi fanno soldi, i pidocchi fanno pidocchi

rielaborazione di Ersilio Teifreto