Fimmine fimmine ca sciati allu tabaccu ne sciati doi e ne turnati quattru/La storia delle tabacchine di Novoli/Le foie te lu tabbaccu cu nu filu te spacu se nfilavane intra lasaccurafia e dintane nzerte ca poi se mpinnieane alli taraletti esposti allu sule

 

 

Le foie te lu tabbaccu cu nu filu te spacu se nfilavane intra lasaccurafia e dintane nzerte ca poi se  mpinnieane alli taraletti esposti allu sule

Un commento a La storia delle tabacchine di Novoli

  1. Ersilio Teifreto ha detto:

    13/07/2015 alle 16:11

    Quannu Intra lu paise te Noule se sintia l’ardore te lu tabaccu sembra ca se sente ncora moi . Termini usati per la lavorazione del tabacco:
    Si inzia con le foglie che dopo raccolte venivano trasportate in teli chiusi, mante anche ceste, i cicli di raccolta venivano denominati: primo il franzone la pianta più bassa sempre curvi con la schiena, la terza , la seconda, la “Prima ” la pianta arrivava fino 2 mt. di altezza, per la lavorazione seguiva un filo di spago il tabacco si infilava intra lu filu cu la saccurafia formando la nzerta le collane della lunghezza di 1 mt. venivano fissate 20 per volta sul taraletto non dovevano toccare terra,
    se ncignava a chiore si urlava fuci fuci iutame cu trasimu intra li taraletti .
    10 nzerte formavano un pupolo che veniva movimentato nelle ore umide perchè le nzerte possano essere toccate senza sbriciolarsi e consegnate alle Fabbriche te lu tabaccu per la selezione, questo lavoro era svolto principalmente da donne nella cittadina di Novoli fu anche teatro di scontri per i diritti.
    Cordiali saluti

  2. autore Ersilio Teifreto blog http://www.torinovoli.it

  3. Fimmene fimmene ca sciati allu tabaccu
    ne sciati doi e ne turnati quattru.

    Ci bu la tice cu chiantati lu tabaccu
    la ditta nu bu tae li taraletti.

    Ca poi li sordi bu li benedicu
    bu 'nde ccattati nuci per Natale.

    Te dicu sepre cu nu chianti lu tabaccu
    lu sule è forte e te lu sicca tuttu.

    Fimmene fimmene ca sciati alle ulìe
    cugghitinde le fitte e le cigghiare.

    Fimmene fimmene ca sciati a vindimare
    e sutta lu ceppune bu la faciti fare.

    E Santu Paulu miu te Galatina
    fammende ccuntetà sta signurina.

    E Santu Paulu miu te le tarante
    pizzichi le caruse a mmienzu all'anche.

    E Santu Paulu miu te li scurzuni
    pizzechi li carusi alli cujuni.

    Traduzione

    Donne Donne

    Donne che andate al tabacco
    andate in due e tornate in quattro.

    Chi vi dice di piantare il tavacco
    la ditta non vi da neanche i telaietti.

    Che poi i soldi ve li benedico
    vi comprate le noci per Natale

    Ti dico sepre di non piantare il tabacco
    il sole è forte e lo secca tutto.

    Donne che raccogliete le olive
    raccogliete le fitte e le cigghiare

    Donne che andate a vendemmiare
    sotto la vigna ve la fate fare.

    San Paolo mio di Galatina
    fai la grazia a questa signorina

    San Paolo mio delle tarante
    pizzichi le ragazze in mezzo alle gambe.

    San Paolo mio dei serpenti
    pizzichi i maschi fra i coglioni.

  4.