Noi volontari Segnaliamo pubblicamente:INTERESSE PUBBLICO DEL TENIMENTO DI SANT’ANTONIO DI RANVERSO ai sensi dell’articolo 136 doveroso ripiantare una Pyracantha chiamata pure Agazzino.

Posted on

 

News 16 Aprile 2016.

L’albero di Pyracantha piantato 50 anni fa dall’Economo Sig. Rolle e Monsignor Italo Ruffino con  le sue bacche rosse annunciava il periodo Natalizio per la gioia degli abitanti e dei visitatori  questa pianta unica si distingueva dagli altri alberi rompendo la scenografia del  tiglio e il platano anch’essi presenti nella splendida cornice  di fronte al monumentale masso erratico di Sant’Antonio di Ranverso,  era sempre verde tutto l’anno,  un’oasi di cibo per le specie di uccelli migratori, merli ecc…ghiotti delle sue bacche  molto vecchio  ammalatosi nel 2015 fu abbattuto da Aldo Andreis Custode del Borgo Precettoria ,prima che morisse Mons. Italo Ruffino studioso degli Antoniani, un giorno parlando con Aldo decisero che al suo posto sarebbe come indica la DICHIARAZIONE DI NOTEVOLE INTERESSE PUBBLICO DEL
TENIMENTO DI SANT’ANTONIO DI RANVERSO ai sensi dell’articolo 136 doveroso ripiantare una Pyracantha chiamata pure Agazzino, oppure una specie che ricordi la storia Religiosa del luogo speciale di Ranverso come per es… un’albero di Pino Mediterraneo, una Palma o un albero di Ulivo , purtroppo sono morti tutti e 3 compreso il Dott. Rolle Economo dell’Ordine del Mauriziano.

Ersilio Teifreto a nome dei volontari e cittadini frequentatori del borgo speciale di Sant’Antonio di Ranverso.